• Fao, anche dalla Dieta mediterranea un supporto alla sostenibilità

    Print
    Grass 3370774 1920

    Le scelte alimentari di ciascuno possono far bene anche al pianeta, ecco perché una maggiore diffusione della Dieta mediterranea è una via percorribile per la sostenbilità e la tutela della biodiversità. Ne è convinta la Fao, che ha promosso un nuovo appuntamento nell’ambito delle iniziative “Principi della Dieta mediterranea per l’Agenda 2030”. Cambiare le scelte a tavola può agevolare il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile, è il messaggio dell’organizzazione. 

    Centrali sono l’alto consumo di legumi, frutta e verdura, il consumo moderato di prodotti derivati dal latte, un apporto più limitato di carne bianca e pesce, e in misura maggiore di carne rossa, con l’olio d’oliva come principale grasso aggiunto. La correlazione tra la Dieta mediterranea e il benessere generale è emersa in diversi studi ma nonostante le indicazioni degli esperti sono sempre più comuni altri tipi di dieta. “Questa alimentazione tradizionale cede sempre più il passo al cambiamento delle abitudini e degli stili di vita, da pasti diversificati ed equilibrati a pasti più monotoni ad alto contenuto di grassi, zucchero e sale”, come ricorda Maria Helena Semedo, il vicedirettore generale della Fao per il clima e le risorse naturali.

    Un contributo diversificato

    Per la salute i rischi hanno il nome di sovrappeso, obesità e malattie non trasmissibili, ma anche l’ambiente non è al sicuro. Il degrado delle risorse naturali, la perdita della biodiversità per alimentazione e agricoltura sono alimentate dagli stili di vita più moderni. L’agenzia dell’Onu sottolinea l’importanza della promozione di tutte le diete tradizionali compresa quella mediterranea mentre è bene approfondire ulteriormente il contributo che può derivare da queste su vari fronti. Ad esempio per la conservazione della biodiversità, il divario tra zone rurali e urbane, le perdite e gli sprechi alimentari. 

    La Fao è in prima linea nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla conservazione e l’uso sostenibile delle coltivazioni sottoutilizzate e trascurate e sulla valorizzazione della biodiversità agricola. Una delle attività con questo scopo è rappresentata dai Sistemi del Patrimonio Agricolo di rilevanza mondiale, “paesaggi di straordinaria bellezza in cui convivono biodiversità agricola, ecosistemi resilienti e un ricchissimo patrimonio culturale”. Tra questi anche le Terre del Soave e la Fascia olivata Assisi-Spoleto inseriti in lista lo scorso anno.  

    Il richiamo alla biodiversità e alla sostenibilità trova spazio in diversi punti dell’Agenda 2030. Il primo è l’Obiettivo 2 (“porre fine alla fame, realizzare la sicurezza alimentare e una migliore nutrizione e promuovere l'agricoltura sostenibile”), poi gli obiettivi 14 e 15 che fanno riferimento alle risorse naturali per lo sviluppo sostenibile: oceani, mari e risorse marine da un lato e ecosistemi terresti, foreste e suolo dall’altro.

     

    Foto: Pixabay

    redazione 26-02-2020 Tag: faoobiettivi di sviluppo sostenibilesostenibilitàbiodiversitàdieta mediterranea
Articoli correlati