• Uova da consumo, produzione italiana pari a quasi 1 miliardo di euro

    Print

    Nel 2018 superate 770 mila tonnellate di prodotto

    Uova moira nazzari pixabay

    Nel 2018 sono stati prodotti in Italia oltre 12,2 miliardi di uova, pari a circa 772 mila tonnellate di prodotto. Lo evidenzia il rapporto: “Il comparto delle uova da consumo 2018” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui la produzione italiana di uova vale poco meno 1 miliardo di euro per la sola parte agricola, mentre il fatturato delle vendite per la lavorazione e la trasformazione del prodotto finito porta al comparto altri 1,5 miliardi di euro di volume di affari.

    L’Ismea sottolinea che nel 2018 i consumi di uova in Italia hanno continuato a crescere, confermando i risultati positivi raggiunti nel 2017. Presso la grande distribuzione organizzata (Gdo) le vendite delle uova sono aumentate dell’1,7% rispetto all’anno precedente, mentre i fatturati sono cresciuti del 15%. Tuttavia, il consumo nazionale di uova è leggermente inferiore alla media europea e si attesta intorno a 13,4 Kg pro-capite. Ciò significa che ogni italiano consuma circa 214 uova l'anno, fra consumo diretto e indiretto - il 40% del prodotto è, infatti, utilizzato nell'industria alimentare sotto forma di ovo-prodotti.

    La produzione italiana è garantita da oltre 38 milioni 900 mila galline ovaiole, presenti in oltre 1.800 allevamenti a gestione professionale. Più della metà della produzione è concentrata nel Nord Italia: a guidare la classifica è il Veneto, dove viene prodotto il 26% delle uova italiane. Seguono la Lombardia (25%) e l’Emilia Romagna (17%), mentre al Sud la regione in cui si producono più uova è la Sicilia (6%).

    L'Istituto sottolinea che in termini di consumo di uova l’Italia è autosufficiente: ne produce un numero sufficiente a coprire l'intero fabbisogno nazionale. La produzione di uova da consumo a livello Comunitario supera i 6,4 milioni di tonnellate e l'Italia si posiziona al quarto posto, dopo Francia, Germania e Spagna. Di tutte le uova comunitarie il 53% provengono da allevamenti in gabbie arricchite. In Italia la percentuale è leggermente superiore alla media europea e raggiunge il 55%. Tuttavia, un’ingente parte di uova provenienti da gabbie arricchite non è destinata al consumo fresco: presso la Gdo meno della metà delle uova vendute (45%) appartiene a questa categoria. Ma è ancora esigua la quota di uova da allevamento "bio e all'aperto", che si attesta all'11% - mentre in Europa è arrivata al 20% - e, secondo l’Ismea, questo prodotto per il momento presenta poche possibilità di crescita.

    Foto: Moira Nazzari_Pixabay

    red. 29-04-2019 Tag: uovaIsmeaitaliaproduzioneconsumi
Articoli correlati
  • Ritardi pagamenti della p.a., Corte di Giustizia Ue rimprovera l’Italia

    Un punto a favore delle aziende italiane che vantano dei crediti nei confronti della pubblica amministrazione. I tempi dei pagamenti per le transazioni commerciali tra privati e p.a. violano le norme europee. Lo scorso 28 gennaio la Corte di Giustizia europea ha...

    18-02-2020
  • Per il 2020 Pil italiano previsto in leggera crescita

    In uno scenario economico mondiale in ripresa e con un mercato europeo avviato a una moderata crescita, con riferimento al primo semestre 2020, il Pil italiano dovrebbe crescere lievemente nell’anno appena iniziato. La previsione è di +0,3% (+0,4%...

    11-02-2020
  • Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24...

    04-02-2020
  • Del Bravo (Ismea): “Da contratti di filiera vantaggi per tutti i partecipanti a catena del valore”

    Produzioni stabili rispetto agli ultimi anni, necessità di promuovere i contratti di filiera, maggiore collegamento della ricerca. Mangimi&Alimenti fa il punto della situazione nel settore cerealicolo con Fabio Del Bravo, responsabile della Direzione...

    12-01-2020
  • Ismea, buoni margini di crescita per i formaggi pecorini

    Il comparto ovicaprino ricopre un ruolo marginale nel settore primario ma i margini di crescita del mercato dei formaggi pecorini sono notevoli. Poco più di una famiglia su due (il 53%) acquista almeno una volta l’anno qualsiasi tipologia di...

    11-01-2020