Victam
  • Consumi alimentari, nel 2018 è boom delle uova

    Print
    Uova 1

    Più uova, ma anche più carne e salumi, frutta e ortaggi. Stabile il pesce mentre scendono latte e formaggi. Il carrello della spesa cambia la sua composizione nel 2018 e si alleggerisce: a parità di prezzi, rispetto all'anno precedente, contiene meno prodotti. Sintomo di un aumento dei prezzi di acquisto ma anche di scelte più consapevoli dei consumatori: respingono la tradizione e assecondano sempre di più le proprie esigenze comprando alimenti più elaborati e costosi. È la fotografia della spesa delle famiglie scattata da Ismea e Nielsen e relativa ai dodici mesi del 2018. Da gennaio a dicembre 2018 c'è stata una crescita dello 0,3% degli acquisti frenata nell'ultimo trimestre dell'anno dall'incrememento dei prezzi e dunque dalla riduzione dei volumi.  

    Complessivamente l'aumento della spesa è riconducibile quasi del tutto all'aumento dei prezzi medi delle referenze. I prodotti a largo consumo confezionati hanno segnato un incremento di poco meno del 2% mentre quelli sfusi sono scesi di oltre il 3%. Su anche le bevande e in particolare quelle alcoliche: dal +4,6% del vino al +3% della birra.  

    La spesa si distribuisce in maniera peculiare sul territorio nazionale. Al Sud scendono gli acquisti di sfusi e confezionati mentre cresce quella dei prodotti confezionati al Nord, con la fetta di prodotti freschi in riduzione. Dietro queste dinamiche ci sono vari fattori: la diversa offerta ma anche la minore disponibilità economica nel Meridione e di tempo da dedicare alla preparazione dei cibi a casa nelle regioni settentrionali. Al di là della geografia, quest'ultimo elemento comporta in generale un aumento del 10% dei “piatti pronti” con una crescita del 112% in cinque anni.

    Attenzione al tipo di allevamento per la scelta  delle uova

    Sono le uova le vere protagoniste della spesa del 2018. L'incremento del 14% è figlio della rivalutazione di questo alimento dal punto di vista “nutrizionale, salutistico ed etico”, si legge nel report Ismea-Nielsen. L'attenzione dei consumatori su provenienza e tipo di allevamento delle galline ha spinto gli acquisti dei prodotti a maggior valore aggiunto e l'offerta si è diversificata. Le uova da allevamenti in gabbia sono quasi irreperibili nella grande distribuzione (la spesa è scesa del 7% e i volumi del 19%) a vantaggio di prodotti da galline allevate a terra, all'aperto (+32% la spesa e +22% i volumi) e delle uova bio (+16% la spesa e +8% i volumi). Le uova, inoltre, sono state tra i primi  prodotti a dover rispettare precisi obblighi di tracciabilità

    Tra gli altri prodotti proteici cresce la spesa di carni e salumi, rispettivamente dell'1,5% e dello 0,5%. Un aumento ascrivibile principalmente all'aumento dei prezzi più che dei volumi. Per la carne bovina i volumi sono stabili (+0,2%) e la spesa sale del 2,1%; per le carni bianche la spesa cresce del 3% con i volumi in leggero calo (-0,8%) mentre per il maiale la spesa è in lieve flessione (-0,2%)  nonostante il rialzo dei prezzi medi dell’1,6%. Tra i salumi salgono prosciutto crudo (+0,1%) e salami (+1,4%), mentre scende la spesa per il prosciutto cotto (-1,6%).

    Dall'orto al carrello

    Più persone comprano ortaggi freschi pronti al consumo: oltre 20 milioni di famiglie, con la crescita in valore in crescita del 5%. In calo invece i prodotti a base di pomodoro (-0,9%) e i surgelati (-0,3%). Nel comparto frutta c'è un grande balzo in avanti delle arance (in aumento di oltre 11 punti percentuali) e degli agrumi in generale (+4%).

    Pesce: più scatolette

    Nel 2018 si interrompe la crescita dei volumi di pesce acquistato. Nei carrelli entrano più i prodotti a lunga conservabilità (+1,8% la spesa per gli ittici in scatola prevalentemente rappresentati dal tonno e +0,8% quella per il pesce congelato) mentre la spesa per il pesce fresco perde quasi l'1%.

    Latte e formaggi  

    Restano sugli scaffali latte fresco e latte UHT, entrambi con una flessione di quasi il 2%. Anche i derivati sono in flessione: -0,8% i formaggi, -2,2% quelli semiduri, stabili i freschi.  

    Primi piatti pronti in crescita 

    La pasta di semola secca, il pane e i suoi sostituti perdono quasi il 2% così come il riso malgrado la tenuta dei volumi. In controtendenza pasta fresca (+2,6%) e soprattutto primi piatti pronti (+3,6%).  

    Acquisti sensibili all'attenzione per la salute 

    Consumatori più interessati e informati sul rapporto tra alimentazione e benessere. Dalle rilevazioni di Ismea e Nielsen emerge il profilo di un acquirente sempre più attento a quello che mette nel carrello. Lo dimostrano la crescita di segmenti particolari come il latte ad alta digeribilità (+9,4% i volumi e +4,9% la spesa), la pasta integrale +3,7% e i dolcificanti +10% in volume e +2,6% in spesa.  Anche i prodotti addizionati con vitamine o minerali o senza elementi come glutine e lattosio sono in crescita. In particolare i prodotti gluten free vedono la spesa aumentare dell'8% rispetto al 2017 (per un ammontare di oltre 204 milioni di euro).

    redazione 15-04-2019 Tag: consumi alimentarispesa alimentareIsmeauovacarne
Articoli correlati
  • Export agroalimentare, embargo verso Russia provoca perdite per 217 milioni di euro

    L’export dei prodotti agroalimentari italiani è stato seriamente danneggiato dall’embargo verso la Federazione Russa, che è costato al Belpaese 217 milioni di euro. Lo evidenzia il rapporto: “Scambi con l’estero - Gli scambi...

    20-06-2019
  • Del Bravo (Ismea): “Fare della Pac uno strumento a sostegno delle IG italiane”

    Fabio Del Bravo è responsabile della Direzione Servizi per lo Sviluppo Rurale di Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare che ha redatto, in collaborazione alla Fondazione Qualivita, il rapporto annuale sui valori economici e...

    13-06-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019
  • UE, mercato lattiero-caseario in ripresa

    Nel primo trimestre del 2019 la ripresa della domanda mondiale di commodity ha influenzato positivamente il mercato lattiero-caseario europeo. Lo evidenzia il rapporto “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato dall’Ismea...

    24-05-2019
  • Carni ovicaprine, in crescita produzione ed export

    Nella stagione 2017/18 la produzione di carni ovicaprine è aumentata dell’1,6%, anche se il numero dei capi macellati è diminuito del 3,4%. Lo evidenzia il rapporto “Carne ovicaprina: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato...

    23-05-2019