Victam
  • Commodities alimentari, a gennaio quotazioni in rialzo

    Print

    Salgono i prezzi di prodotti lattiero-caseari e cereali, stabili quelli delle carni

    Mercato frutta verdura

    Il 2019 si è aperto in modo positivo per i mercati delle materie prime alimentari: a gennaio quasi tutti i listini hanno registrato un aumento. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che l'Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su una media di 164,8 punti a gennaio, registrando un incremento dell’1,8% rispetto al mese precedente. Tuttavia, il valore resta più basso del 2,2% rispetto a quello registrato nel mese di gennaio 2018.

    La crescita più consistente ha riguardato i listini dei latticini: l'Indice Fao dei prezzi dei prodotti latterio-caseari è, infatti, salito del 7,2% rispetto a dicembre, invertendo il trend negativo registrato nei sette mesi precedenti. Il rialzo è dovuto soprattutto alla forte domanda interna in Europa, che ha ridotto la disponibilità dei prodotti per le esportazioni. Inoltre, hanno contribuito anche le previsioni sul clima rigido in Oceania, che potrebbe ridurre le esportazioni dei latticini all’estero nei prossimi mesi.

    È salito anche l'Indice Fao dei prezzi dei cereali, che a gennaio ha registrato una media di 168,1 punti. La riduzione delle forniture per l'esportazione e la forte domanda mondiale hanno fatto aumentare i prezzi dei cereali principali.

    L'Indice Fao dei prezzi delle carni è invece rimasto quasi invariato rispetto a dicembre. La Fao precisa che il valore di gennaio è stato calcolato sulla base dell’ipotesi che negli Stati Uniti i listini della carne siano rimasti stabili, perché il blocco delle attività amministrative (government shutdown) non ha permesso di reperire i dati ufficiali. A livello globale, le quotazioni delle carni di bovini, maiali e pollame sono rimaste costanti, mentre i prezzi delle carni ovine sono diminuiti in corrispondenza con l’aumento delle forniture per l’esportazione in Oceania.

    L'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è aumentato del 4,3% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei listini dell'olio di palma, dovuto al calo stagionale della produzione nei principali paesi produttori. Anche i prezzi internazionali dell’olio di soia sono cresciuti, grazie alla robusta domanda d’importazione delle forniture sudamericane.

    Infine, l’Indice Fao dei prezzi dello zucchero è aumentato dell'1,3% rispetto a dicembre. Il rialzo è dovuto principalmente all'apprezzamento della valuta (Real) del Brasile, il maggiore esportatore mondiale, rispetto al dollaro statunitense.

    red. 09-02-2019 Tag: materie primefaoprezzicarnecerealiprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Diete bilanciate e salute, le nuove scoperte della dietetica

    Per decenni carne e latte sono stati accusati di essere i principali nemici della salute, in particolare del cuore, a causa del loro contenuto in grassi saturi. La Società Europea di Cardiologia, nell’annuale congresso tenuto recentemente a Monaco...

    17-04-2019
  • Consumi alimentari, nel 2018 è boom delle uova

    Più uova, ma anche più carne e salumi, frutta e ortaggi. Stabile il pesce mentre scendono latte e formaggi. Il carrello della spesa cambia la sua composizione nel 2018 e si alleggerisce: a parità di prezzi, rispetto all'anno precedente,...

    15-04-2019
  • Carne bovina, in leggero aumento i consumi pro-capite

    Più carne bovina nel 2018. Secondo le rilevazioni di Ismea tre elementi hanno determinato una maggiore disponibilità di prodotto nel mercato interno: l'incremento delle importazioni di carni congelate, un maggior numero di capi destinati alla...

    13-04-2019
  • Fao e Wfp: nel 2018 insicurezza alimentare acuta in 53 paesi

    Nel 2018 circa 113 milioni di persone in 53 paesi hanno sperimentato gravi livelli di “insicurezza alimentare acuta”: l'impossibilità di consumare cibo a sufficienza, che mette le persone e i loro mezzi di sostentamento in immediato pericolo....

    09-04-2019
  • Commodities alimentari, a marzo prezzi stabili

    A marzo i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti sostanzialmente stabili. L’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e della carne è stato, infatti, compensato dal calo dei listini dei cereali, dell'olio vegetale e dello...

    07-04-2019