Victam
  • Materie prime alimentari, prezzi in calo a ottobre

    Print

    Diminuiscono quotazioni di prodotti lattiero-caseari e carne. In crescita listini dei cereali

    Mercato ortofrutticolo

    A ottobre i prezzi internazionali delle materie prime alimentari hanno registrato una flessione. Il calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, delle carni e degli oli vegetali ha, infatti, più che compensato l'incremento delle quotazioni dello zucchero. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che nel mese di ottobre l'Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su una media di 163,5 punti, un valore più basso dello 0,9% rispetto a settembre e del 7,4% rispetto a ottobre 2017.

    Il calo è stato trainato dalla flessione dei listini di latte e derivati: l’Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è infatti sceso del 4,8% rispetto al mese precedente e del 34% rispetto al picco raggiunto nel febbraio 2014. Secondo la Fao, la flessione rifletterebbe l'aumento delle esportazioni di tutti i principali prodotti lattiero-caseari, in particolare dalla Nuova Zelanda.

    È diminuito anche l'Indice Fao dei prezzi della carne, sceso del 2% rispetto a settembre. La riduzione delle quotazioni delle carni di ovini, suini, bovini e pollame sarebbero dovute, secondo la Fao, soprattutto alle abbondanti scorte per l'esportazione.

    L'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è sceso dell'1,5%, registrando il suo nono calo mensile consecutivo e raggiungendo il livello più basso dall'aprile 2009. Il calo sarebbe causato principalmente dalla scarsa domanda d'importazioni globali di olio di palma e dalle abbondanti scorte dei maggiori paesi esportatori. I prezzi internazionali dell'olio di soia, invece, sono leggermente aumentati.

    In controtendenza, l'Indice Fao dei prezzi dei cereali è cresciuto dell'1,3% rispetto a settembre. Merito soprattutto delle quotazioni più rigide del granoturco negli Stati Uniti. Sono invece scesi i listini del riso, in parte a causa dei movimenti valutari che hanno pesato sulla varietà Japonica e su altre varietà fragranti.

    Infine, l'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è salito dell'8,7% rispetto al mese precedente. Il rialzo sarebbe stato guidato principalmente dalle prospettive negative sulla produzione in India e Indonesia, e dalle previsioni di un aumento della produzione di canna da zucchero per produrre etanolo in Brasile.

    redazione 11-11-2018 Tag: commoditiesfaocarnecerealiprodotti lattiero-caseariprezzi
Articoli correlati
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019
  • Produzione mondiale cereali, previsto nuovo record nel 2019

    Nel 2019 la produzione mondiale di cereali dovrebbe toccare un nuovo record, raggiungendo 2.722 milioni di tonnellate, 71 milioni di tonnellate in più rispetto al 2018. È quanto emerge dal rapporto “Fao Cereal supply and demand brief”...

    01-06-2019