Victam
  • Materie prime alimentari, prezzi in calo a ottobre

    Print

    Diminuiscono quotazioni di prodotti lattiero-caseari e carne. In crescita listini dei cereali

    Mercato ortofrutticolo

    A ottobre i prezzi internazionali delle materie prime alimentari hanno registrato una flessione. Il calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, delle carni e degli oli vegetali ha, infatti, più che compensato l'incremento delle quotazioni dello zucchero. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che nel mese di ottobre l'Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su una media di 163,5 punti, un valore più basso dello 0,9% rispetto a settembre e del 7,4% rispetto a ottobre 2017.

    Il calo è stato trainato dalla flessione dei listini di latte e derivati: l’Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è infatti sceso del 4,8% rispetto al mese precedente e del 34% rispetto al picco raggiunto nel febbraio 2014. Secondo la Fao, la flessione rifletterebbe l'aumento delle esportazioni di tutti i principali prodotti lattiero-caseari, in particolare dalla Nuova Zelanda.

    È diminuito anche l'Indice Fao dei prezzi della carne, sceso del 2% rispetto a settembre. La riduzione delle quotazioni delle carni di ovini, suini, bovini e pollame sarebbero dovute, secondo la Fao, soprattutto alle abbondanti scorte per l'esportazione.

    L'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è sceso dell'1,5%, registrando il suo nono calo mensile consecutivo e raggiungendo il livello più basso dall'aprile 2009. Il calo sarebbe causato principalmente dalla scarsa domanda d'importazioni globali di olio di palma e dalle abbondanti scorte dei maggiori paesi esportatori. I prezzi internazionali dell'olio di soia, invece, sono leggermente aumentati.

    In controtendenza, l'Indice Fao dei prezzi dei cereali è cresciuto dell'1,3% rispetto a settembre. Merito soprattutto delle quotazioni più rigide del granoturco negli Stati Uniti. Sono invece scesi i listini del riso, in parte a causa dei movimenti valutari che hanno pesato sulla varietà Japonica e su altre varietà fragranti.

    Infine, l'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è salito dell'8,7% rispetto al mese precedente. Il rialzo sarebbe stato guidato principalmente dalle prospettive negative sulla produzione in India e Indonesia, e dalle previsioni di un aumento della produzione di canna da zucchero per produrre etanolo in Brasile.

    redazione 11-11-2018 Tag: commoditiesfaocarnecerealiprodotti lattiero-caseariprezzi
Articoli correlati
  • Usa, diminuiscono esportazioni e uso nazionale di mais e grano

    Negli Stati Uniti il calo delle esportazioni potrebbe determinare un aumento delle scorte di mais e grano, mentre le riserve nazionali di soia dovrebbero diminuire. Lo evidenzia il rapporto “World agricultural supply and demand estimates” pubblicato...

    20-03-2019
  • Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza...

    15-03-2019
  • Fao, i candidati alla Direzione Generale

    A giugno i paesi membri dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) saranno chiamati a eleggere il successore di José Graziano da Silva alla guida della Fao. Il nuovo Direttore Generale sarà scelto tra i cinque...

    13-03-2019
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita a febbraio

    A febbraio i prezzi delle commodities alimentari sono aumentati dell’1,7% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei prodotti lattiero-caseari. Lo sottolinea l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle...

    12-03-2019
  • Sicurezza alimentare: le sei regole Fao

    Per garantire la sicurezza degli alimenti occorre monitorare tutte le fasi della catena alimentare, a partire dalla produzione fino alla vendita e al consumo. Lo sostiene l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao),...

    17-02-2019