• Unione Europea, stabile export prodotti agroalimentari

    Print
    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    Tra settembre 2017 e agosto 2018 le esportazioni dei prodotti agroalimentari dell’Unione Europea sono rimaste tendenzialmente stabili. Lo evidenzia il rapporto “Monitoring EU agri-food trade: Development until August 2018” pubblicato dalla Commissione Europea il 26 ottobre, secondo cui nel periodo considerato è stata registrata una variazione dello 0,1% rispetto ai 12 mesi precedenti.

    La Commissione Europea precisa che lo scorso agosto le esportazioni sono diminuite del 2%, fermandosi a 11,3 miliardi di euro, mentre le importazioni sono scese dello 0,6%, attestandosi a 9,1 miliardi di euro. Rispetto al mese di agosto 2017, l’export dei prodotti agroalimentari made in UE è aumentato soprattutto verso l’Algeria (oltre 31 milioni di euro), l’Arabia Saudita (30 milioni di euro) e Singapore (27 milioni di euro). Sono invece diminuite le esportazioni verso la Cina (79 milioni di euro), la Turchia (37 milioni di euro) e l'Iran (34 milioni di euro).
    Per quanto riguarda la tipologia dei prodotti, le esportazioni dei cereali diversi dal grano e dal riso hanno registrato un aumento significativo, pari a 51 milioni di euro. Inoltre, l’export dello zucchero è cresciuto di 34 milioni di euro, mentre quello di pasta e pane di 32 milioni di euro.

    Le importazioni in Europa dei prodotti agroalimentari provenienti dagli Stati Uniti hanno registrato un incremento di 186 milioni di euro rispetto ad agosto 2017. Ma sono aumentati anche gli acquisti dal Sudafrica (57 milioni di euro) e dalla Russia (56 milioni di euro). Sono invece diminuite di 109 milioni di euro le importazioni dalla Costa d'Avorio, di 64 milioni di euro dall’Argentina e di 58 milioni di euro dal Paraguay.
    Sono aumentati, in particolari, gli acquisti della soia, cresciuti di 101 milioni di euro, e del grano, che ha registrato un incremento di 38 milioni di euro, mentre sono diminuite le importazioni di altri cereali e dello zucchero.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    redazione 18-11-2018 Tag: Unione Europeaagroalimentareimportazioniesportazioni
Articoli correlati
  • Agricoltura sostenibile, termina l’attività dell’Eisa

    L’European initiative for sustainable development in agriculture (Eisa) ha deciso di mettere fine alle sue attività. I suoi membri esprimono apprezzamento per il lavoro svolto e attendono una nuova fase di cooperazione tra le associazioni degli...

    15-01-2019
  • Carni bovine, mercato europeo mostra incertezze

    Nonostante la tenuta dei consumi, il mercato europeo delle carni bovine presenta numerose incertezze. Lo rivela il rapporto: “Tendenze bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    14-01-2019
  • Cina, via libera all'importazione per cinque colture Ogm

    L'8 gennaio la Cina ha autorizzato l'importazione di cinque colture geneticamente modificate. Lo riporta il sito World Grain, sottolineando che la decisione potrebbe accrescere gli acquisti cinesi di cereali dall'estero e in particolare dagli Stati Uniti, il...

    09-01-2019
  • Stati Uniti: il maggiore fornitore di soia in Europa

    Gli Stati Uniti sono diventati il principale esportatore di soia in Europa, superando il Brasile. Lo afferma lo U.S. Soybean Export Council (Ussec), come riporta il sito World Grain, secondo cui a partire dal 1° settembre le vendite della soia e dei semi di...

    05-01-2019
  • Dop e Igp, confermato primato mondiale dell’Italia

    Anche nel 2018 l’Italia conserva il primato mondiale per numero di prodotti Dop (Denominazione di origine protetta) Igp (Indicazione geografica protetta) e Stg (Specialità tradizionale garantita). Lo rivela la sedicesima edizione del “Rapporto...

    16-12-2018