Victam
  • Soia: produzione e stoccaggio. La situazione negli Stati Uniti

    Print
    Soia %c2%a9 andrey starostin   fotolia

    La guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina potrebbe generare un problema di stoccaggio della soia negli Usa. La battaglia tariffaria si sarebbe verificata proprio in un’annata record per la produzione del legume, per cui parte del raccolto rischia di restare invenduto. Lo evidenzia un editoriale pubblicato su World Grain, secondo cui gli agricoltori statunitensi dovranno fare in modo di trovare un equilibrio tra le ingenti scorte del legume e quelle di altre colture come mais e grano.

    Gli analisti prevedono che i problemi di stoccaggio si presenteranno quando la raccolta della soia sarà terminata. Per il momento, a causa delle abbondanti piogge d’inizio ottobre, è stato completato soltanto il 38% del raccolto, mentre in media in questa stagione la percentuale raggiunge il 53%. È probabile che gli agricoltori utilizzino soluzioni di stoccaggio temporaneo per conservare il legume, ma a fine stagione dovranno depositarlo in contenitori protetti, perché la soia è una coltura fragile e va tenuta in un ambiente controllato. Questo, secondo gli esperti, comporterà lo spostamento delle riserve di mais, che risulta più resistente.

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) prevede che nel 2018 la produzione statunitense di soia raggiunga il valore record di 4,6 miliardi di bushel, il 6% in più rispetto alla stagione precedente. Questi numeri sarebbero meno scoraggianti se lo spazio di archiviazione non dovesse essere condiviso anche con mais e grano. Tuttavia, secondo alcuni analisti la riduzione degli acquisti di soia da parte della Cina potrebbe essere meno grave del previsto. La scorsa settimana le esportazioni del legume statunitense in Cina hanno comunque superato le 120.000 tonnellate. Inoltre, il Brasile sta acquistando soia dagli Stati Uniti per poterla rivendere in Cina, visto che da solo non è in grado di far fronte alla richiesta cinese. Secondo gli esperti, è possibile che alla fine la soia statunitense possa arrivare in Cina attraverso un percorso tortuoso, alleggerendo il problema di stoccaggio del cereale negli Usa.

    Foto: © Andrey Starostin - Fotolia

    redazione 24-10-2018 Tag: soiascorteUsaCinadaziproduzione
Articoli correlati
  • Mangimi: bovini e suini i settori in maggiore crescita in Italia

    In aumento nel 2018 la produzione di mangimi dell’1,7%. Tengono gli alimenti per volatili. Crescono di oltre centomila tonnellate i mangimi per l’alimentazione dei suini. Ancor più marcato, fino al 4,6%, il progresso produttivo del settore...

    23-06-2019
  • Mangimi: nel 2018 produzione in crescita dell’1,7%, fatturato settore sfiora i nove miliardi

    Un aumento di produzione di circa il 2%, per un ammontare complessivo di poco meno di 14,5 milioni di tonnellate di mangimi. Un fatturato di 8,88 miliardi di euro, nel cui computo è incluso il sistema mangimistico nel suo complesso. Un leggero incremento...

    23-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Produzione mondiale cereali, previsto nuovo record nel 2019

    Nel 2019 la produzione mondiale di cereali dovrebbe toccare un nuovo record, raggiungendo 2.722 milioni di tonnellate, 71 milioni di tonnellate in più rispetto al 2018. È quanto emerge dal rapporto “Fao Cereal supply and demand brief”...

    01-06-2019