• Nutrizione animale e lotta all’antimicrobico-resistenza, focus durante workshop Fefac e Iaca

    Print
    Allevamenti

    Le soluzioni offerte dal settore dell’alimentazione animale alla lotta contro l’antimicrobico-resistenza sono state al centro del “Workshop on animal nutrition solutions against Amr” che si è tenuto il 9 ottobre 2018 a Lisbona (Portogallo), su iniziativa di Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) e di Iaca (Associação Portuguesa dos Industriais de Alimentos Compostos para Animais). Nel corso dell’evento sono stati illustrati gli approcci innovativi che consentono di ridurre la necessità di usare gli antibiotici nel comparto zootecnico, attraverso l'impiego di ingredienti speciali o l'implementazione di strategie di alimentazione.

    Durante il workshop Gabriel Rui, rappresentante della Portuguese Animal Health Industry, ha sottolineato l'impegno profuso dall’Animal Health Industry nell’investire in strategie alternative agli antibiotici, in particolare negli approcci preventivi come i vaccini. Ha, tuttavia, ricordato che gli animali malati devono essere curati e, se necessario, anche tramite la somministrazione di antibiotici. Ma ha precisato che è possibile fare un uso prudente degli antibiotici, utilizzando quantità adeguate di questi farmaci nelle corrette modalità e per il periodo di tempo indicato.

    Jose Costa, rappresentante del Ministero dell'Agricoltura portoghese, ha sottolineato i progressi ottenuti in Portogallo in termini di riduzione dell'uso di antibiotici negli allevamenti, che nel periodo 2010-2015 è diminuito del 24%. Ha poi evidenziato la necessità di attuare adeguati strumenti di monitoraggio e di collaborare con tutti gli operatori interessati, che in Portogallo avviene con la firma di accordi settoriali, anche con l'industria mangimistica.

    Reinder Sijtsma, Presidente del Comitato Premix & mineral feed di Fefac, ha ricordato il ruolo chiave che la nutrizione animale può svolgere nell'aiutare gli animali ad affrontare gli agenti patogeni – com’è stato sottolineato anche dalla relazione congiunta pubblicata da Efsa ed Ema nel mese di gennaio 2017. Ha poi evidenziato che alcuni ingredienti per mangimi possono proteggere la salute degli animali prevenendo l'ingestione di agenti patogeni, regolando il microbiota intestinale, migliorando l'integrità dell’intestino e promuovendo l'immunomodulazione. Ma ha precisato che l'attuale quadro giuridico dell'Unione Europea impone ai prodotti innovativi alcuni ostacoli che precedono l’immissione in commercio in qualità di additivi per mangimi e che, una volta ottenuta l’autorizzazione, i vincoli giuridici in materia di dichiarazioni sulla salute limitano la comunicazione delle funzionalità di questi prodotti.

    Predrag Persak, Presidente del Comitato Animal nutrition di Fefac, ha ricordato che il settore della nutrizione animale fa molto più che far crescere più velocemente gli animali, ma ne promuove la salute. Ha quindi illustrato il concetto di “alimentazione amica dell’intestino”: le caratteristiche dei mangimi, come le fibre o la dimensione delle particelle, possono avere un impatto positivo sulla salute dell'intestino. Ha poi sottolineato gli enormi progressi compiuti nella caratterizzazione del microbiota intestinale degli animali, anche se resta ancora molto da fare per individuare il microbiota ottimale. Ha inoltre evidenziato l'importanza del ruolo di tutti gli operatori del comparto zootecnico (allevatori, mangimisti, veterinari, autorità regolatorie, etc.), invitandoli a collaborare per ottenere nuovi progressi nell’ambito della salute animale.

    Infine, Manuel Chaveiro Soares, membro del Direzione di Iaca, ha evidenziato che occorre fare in modo di conservare l'efficienza degli antibiotici che sono attualmente a disposizione, perché per il momento appare improbabile lo sviluppo di una nuova classe di questi farmaci. Ha quindi sottolineato che per evitare di utilizzare gli antibiotici negli allevamenti, occorre mantenere gli animali in condizioni confortevoli, lontani da situazioni che potrebbero influire negativamente sul loro benessere e sulla loro salute.

    redazione 27-10-2018 Tag: antimicrobico-resistenzaalimentazione animalesalute animaleFEFACIacaantibioticimangimi
Articoli correlati
  • Soia, Cina, Usa e la battaglia delle proteine vegetali

    La guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti non sta influenzando soltanto gli scambi commerciali tra i due Paesi, ma sta determinando cambiamenti nelle politiche economiche interne dello stato asiatico. Lo evidenzia il rapporto: “Foreign Agricultural...

    08-11-2018
  • Antibiotico-resistenza, 2,4 milioni di morti nel mondo entro il 2050

    Nel 2016 l'Onu l'ha definita una grave minaccia per la salute pubblica, per l'economia globale e per tutta la società. È la resistenza agli antibiotici, un fenomeno su cui ha lanciato un nuovo allarme l'Organizzazione per la Cooperazione e lo...

    08-11-2018
  • Mais, un contratto di filiera per rilanciare la produzione

    Risollevare il settore maidicolo a beneficio dell'intera filiera agroalimentare. Il mais italiano è una coltura in crisi produttiva che necessita di una strategia di rilancio con la collaborazione di tutti i soggetti della filiera. E uno strumento chiave...

    04-11-2018
  • Sicurezza alimentare e sostenibilità, focus durante 12° Ifrm in Tailandia

    In occasione della 12° edizione del convegno “International feed regulators meeting (Ifrm)”, organizzato dall'International feed industry federation (Ifif) in collaborazione con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e...

    31-10-2018
  • Fefac, visita al Parlamento europeo del Comitato sostituti del latte

    Il 16 ottobre 2018 il Comitato sostituti del latte di Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), la federazione dei produttori europei di mangimi composti, ha visitato il Parlamento europeo su invito del deputato olandese Jan Huitema. In occasione della...

    26-10-2018