• Agroalimentare, export prodotti italiani supera 20 miliardi di euro

    Print

    Nel 1° semestre 2018 calano le importazioni

    Alimenti %c2%a9 giuseppe porzani   fotolia

    Nei primi sei mesi del 2018 la vendita sui mercati esteri dei prodotti agroalimentari made in Italy è aumentata del 3,1% rispetto al primo semestre 2017, fino a superare la soglia dei 20 miliardi di euro. È quanto emerge dal rapporto: “La bilancia commerciale agroalimentare nazionale - I semestre 2018” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui la dinamica positiva riguarda soprattutto l'industria alimentare, che esprime più dell'80% dell'export complessivo e che ha mostrato un incremento del 4,6%. Il settore agricolo, invece, ha registrato una riduzione delle esportazioni pari al 3,8% in valore.

    L’Istituto evidenzia che nel 1° semestre del 2018 l'import di prodotti agroalimentari è diminuito dello 0,8% su base annua, attestandosi a poco più di 22,3 miliardi. La dinamica contrapposta dei flussi ha determinato la riduzione del deficit della bilancia commerciale nella misura di 778 milioni di euro. Considerando le due componenti del comparto, il miglioramento del saldo va ricondotto all’industria alimentare, che nel periodo in esame ha raggiunto un surplus di 1,7 miliardi di euro, in crescita di 798 milioni di euro rispetto al primo semestre dello scorso anno.

    I principali mercati di sbocco dei prodotti agroalimentari italiani sono quelli dell’Unione Europea: sono state registrate performance positive in tutte le principali destinazioni, soprattutto in Germania (+5,3%, per un valore di 3,5 miliardi di euro), Francia (+6,2%, per un valore di quasi 2 miliardi di euro) e Regno Unito (1,1%, per un valore di1,6 miliardi di euro). Si è, invece, ridotto l’export verso Austria (-3,1%) e Spagna (-0,6%).

    Si colloca in ambito europeo il 66% del valore complessivo dei prodotti agroalimentari esportati, che nei primi sei mesi dell'anno ha raggiunto la soglia dei 13,4 miliardi di euro (+4,2% su base tendenziale). In ambito extra-europeo l'export è cresciuto complessivamente dell'1%, raggiungendo la soglia di circa 7 miliardi di euro. L’incremento maggiore delle esportazioni italiane è stato registrato in Canada (+6,9%, per un valore di 383 milioni di euro), Russia (+4,6%, per un valore di 248 milioni di euro) e Svizzera (+3,6% per un valore di 783 milioni di euro).

    Per quanto riguarda i principali comparti produttivi, i risultati migliori sono stati riportati dalle vendite all’estero dei settori “vino e mosti” e “latte e derivati”. Sono invece diminuite del 2,5% le esportazioni dei comparti “oli e grassi” – a causa della flessione dei prezzi alla produzione -, “frutta secca e trasformata”, “animali e carni” e “foraggere”.

    Foto: © Giuseppe Porzani - Fotolia

    redazione 13-10-2018 Tag: agroalimentarebilancia commercialeexportimportIsmeamade in Italy
Articoli correlati
  • Carni bovine, mercato europeo mostra incertezze

    Nonostante la tenuta dei consumi, il mercato europeo delle carni bovine presenta numerose incertezze. Lo rivela il rapporto: “Tendenze bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    14-01-2019
  • Dop e Igp, confermato primato mondiale dell’Italia

    Anche nel 2018 l’Italia conserva il primato mondiale per numero di prodotti Dop (Denominazione di origine protetta) Igp (Indicazione geografica protetta) e Stg (Specialità tradizionale garantita). Lo rivela la sedicesima edizione del “Rapporto...

    16-12-2018
  • A novembre salgono prezzi della soia, scendono quelli del mais

    Rispetto allo scorso anno, le quotazioni della granella nazionale di mais sono aumentate dell'1%: la campagna di commercializzazione 2017/18 si è chiusa al prezzo medio di 178,04 euro/t. È quanto emerge dal rapporto: “Mais e Soia: tendenze e...

    01-12-2018
  • Ogm, Ministero della Salute: nessuna criticità sugli alimenti prodotti in Italia

    Nessuna “non conformità” rispetto alla normativa sugli Ogm dei prodotti alimentari del mercato italiano e soli tre casi in quelli importati. Il ministero della Salute ha pubblicato i risultati relativi ai controlli sulla presenza di organismi...

    28-11-2018
  • Antibiotico-resistenza: le cinque sfide per il settore agroalimentare

    Il settore agroalimentare può contribuire a fermare l’antibiotico-resistenza. Lo afferma l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) in occasione della “Settimana mondiale sull'uso consapevole degli...

    24-11-2018