Victam
  • Mangimistica mondiale: un mercato da 500miliardi di dollari nel 2023

    Print
    %c2%a9 branex   fotolia.com 8 allevamenti animali

    Il mercato degli alimenti per animali dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 4,42%, fino a raggiungere 505,398 miliardi di dollari nel 2023. Lo evidenzia il rapporto: “Animal Feed Market - Forecasts from 2018 to 2023” pubblicato dall’agenzia di ricerche di mercato Research And Markets, che precisa che nel 2017 il fatturato del settore è stato pari a 389,836 miliardi di dollari.

    Il rapporto esamina le attuali tendenze del mercato relative alla domanda, all'offerta e alle vendite di mangimi. Inoltre, analizza i recenti sviluppi del settore e descrive gli operatori principali, le limitazioni e le opportunità del mercato. Contiene anche informazioni approfondite sullo sviluppo, le tendenze, le politiche e le normative industriali presenti nelle diverse aree geografiche.

    Secondo gli autori dell’indagine, l’aumento in diverse regioni del mondo del consumo di carne e di altri prodotti di origine animale, compresi latte e uova, sta alimentando la crescita del mercato mangimistico. Inoltre, l’insorgenza di focolai di malattie negli allevamenti di alcuni paesi sta contribuendo all’incremento dell’uso dei mangimi, perché questi alimenti per animali aiutano il bestiame a restare in salute e garantiscono una corretta regolamentazione della catena alimentare.

    Infine, il rapporto sottolinea che l'elevata crescita del comparto mangimistico è favorita anche dalle strategie messe in atto dai principali operatori del settore sotto forma di espansioni e investimenti, che aiutano anche a incrementare il numero dei prodotti messi in vendita e a raggiungere nuovi mercati.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    redazione 09-10-2018 Tag: mangimisticamercatoalimentazione animalezootecnia
Articoli correlati
  • Canali: “Più dialogo e meno conflitto tra gli attori del settore suinicolo”

    Sebbene alcune delle eccellenze della suinicoltura italiana rientrino fra i prodotti di punta del Made in Italy, la sua presenza sui mercati esteri non è ancora forte come potrebbe essere. Il settore è in ripresa ma i margini di crescita sono...

    11-03-2019
  • Frumento, costi di produzione e ricavi in chiaroscuro

    L'analisi dei costi di produzione e dei ricavi delle aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero evidenzia una redditività eterogenea a livello territoriale e che, a causa dei fattori climatici e di tecniche colturali non sempre adeguate, varia...

    09-03-2019
  • Biosicurezza, iniziativa Fefac-Anfnc

    Il contributo offerto dalle pratiche di biosicurezza all’interno dei mangimifici per prevenire la diffusione dei virus è stato al centro del seminario che si è svolto lo scorso 21 febbraio a Bucarest (Romania), su iniziativa di Fefac...

    08-03-2019
  • Colza, produzione in calo nell’UE

    Nella stagione 2019/20 la produzione di colza in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito - i principali produttori dell'UE - dovrebbe diminuire, aumentando la necessità d’importare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero. Lo sostiene Peter...

    06-03-2019
  • Zootecnia e mangimistica italiana, un successo degli ultimi 40 anni

    La Commissione Scenari dell’ASPA, di cui chi scrive è presidente, ha per compito la costruzione di scenari zootecnici per le principali produzioni nazionali al 2030. Per fare ciò la commissione ha iniziato ad analizzare, in termini...

    06-02-2019