Victam
  • Soia, individuati i geni che rendono le piante resistenti agli afidi

    Print

    La scoperta consentirà lo sviluppo di varietà capaci di difendersi dagli insetti

    Soia piantine pixabay

    Individuati nelle piante di soia i geni responsabili della resistenza agli afidi (o pidocchi delle piante), una famiglia d’insetti che ogni anno provoca la perdita di numerosi raccolti. La scoperta, riportata sulla rivista The Plant Genome, è stata effettuata dagli scienziati dell'Università del Minnesota di St. Paul (Usa) diretti da Aaron J. Lorenz, che afferma: “La scoperta dei nuovi geni aiuterà a sviluppare varietà di soia con una maggiore resistenza agli afidi. Esistono pochissime varietà di soia disponibili in commercio dotate di geni che determinano la resistenza agli afidi. I geni appena identificati potrebbero essere impiegati come ‘fonti di riserva’ se quelli attualmente utilizzati dalle piante non risultano più utili”.

    Gli autori spiegano che attualmente per ridurre i danni causati dagli afidi vengono utilizzati gli insetticidi. Ma alcune popolazioni di questi insetti sono resistenti ai pesticidi più usati. Inoltre, produrre piante resistenti agli afidi consentirebbe di limitare l’impiego degli insetticidi, arrecando numerosi benefici dal punto di vista ambientale. Per questo motivo, i ricercatori hanno esaminato diverse indagini precedenti che avevano individuato informazioni genetiche su molte varietà di soia e testato la resistenza agli afidi di queste piante. Successivamente, hanno analizzato il genoma della soia, rilevando piccoli punti di riferimento genetici chiamati Snp, e verificato se qualcuno di essi fosse presente più spesso nelle varietà di soia resistenti agli afidi.

    Al termine dell’esame, gli studiosi hanno identificato diversi Snp che rispondevano ai requisiti richiesti. Alcuni erano situati nelle regioni genetiche vicino a geni che in precedenza erano stati associati alla resistenza agli afidi. Ma molti altri erano presenti in altre zone. “Questi risultati possono aiutare i ricercatori a scoprire nuovi geni di resistenza agli afidi – osserva il dottor Lorenz -. Potrebbero costituire la chiave per sviluppare nuove varietà di soia resistenti agli afidi”. Inoltre, gli esperti precisano che i Snp sono stati identificati in diverse varietà di soia. “Ciò significa che una vasta gamma di punti di riferimento genetici può essere utilizzata a fini della produzione”, conclude lo scienziato.

    Foto: Pixabay

    red. 27-10-2018 Tag: soiaafidiresistenzainsetticidiricerca genetica
Articoli correlati
  • Riduzioni emissioni gas, le implicazioni di una scoperta genetica

    Una scoperta genetica potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di gas serra all’interno degli allevamenti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista BMC Genomics dagli scienziati dell’International Center for Tropical Agriculture (Ciat) di Cali...

    09-05-2019
  • Usa, in calo piantagioni di soia

    Nel 2019 le piantagioni statunitensi di soia dovrebbero diminuire, mentre quelle del mais dovrebbero aumentare. Nel frattempo, le scorte del legume sono cresciute, mentre quelle del cereale sono scese. Lo evidenziano i rapporti “Prospective...

    04-04-2019
  • Usa, maltempo mette a rischio coltivazioni soia e mais

    Negli Stati Uniti il maltempo potrebbe mettere in pericolo le coltivazioni di soia e mais. Lo sostiene Planalytics, una società meteorologica con sede a Berwyn (Pennsylvania), secondo cui le recenti alluvioni potrebbero ridurre la produzione di mais del...

    02-04-2019
  • Usa, diminuiscono esportazioni e uso nazionale di mais e grano

    Negli Stati Uniti il calo delle esportazioni potrebbe determinare un aumento delle scorte di mais e grano, mentre le riserve nazionali di soia dovrebbero diminuire. Lo evidenzia il rapporto “World agricultural supply and demand estimates” pubblicato...

    20-03-2019
  • Usa, previsto aumento produzione di mais e grano

    A causa delle tensioni commerciali tra Usa e Cina, nella stagione 2019/20 parte delle piantagioni statunitensi di soia potrebbero lasciare il posto a mais e grano. Lo sostiene il rapporto: “Grains and oilseeds outlook” pubblicato dal Dipartimento...

    02-03-2019