• Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    Print
    Mais cereali spighe %c2%a9 smereka   fotolia

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ha definito un memorandum per rilanciare il mais nazionale. L'iniziativa ha raccolto l'adesione di diversi soggetti della filiera: Assosementi, Confagricoltura, Alleanza Cooperative Italiane Agroalimentare, Cia Lombardia, Associazione maiscoltori italiani e Copagri. I loro presidenti hanno sottoscritto l'intesa a Roma lo scorso 13 giugno alla presenza del presidente uscente di Assalzoo Alberto Allodi.

    Preso atto dei problemi che hanno determinato il calo produttivo – dalla volatilità dei prezzi ai problemi fitosanitari alla ridotta competititivà sui mercati internazionali – i mangimisti si sono fatti capofila di un'azione a difesa del mais. Si tratta di una materia prima essenziale per l'agricoltura, la zootecnia e il settore alimentare nazionali, compresa la produzione dei beni che danno lustro al Made in Italy nel mondo.

    La finalità del memorandum è sostenere la semina, la produzione e l'utilizzo del mais italiano: la filiera agroalimentare dovrà essere approvvigionata con il cereale coltivato in Italia. Nel documento sono definite delle azioni concrete con cui raggiungere questa finalità. I sottoscrittori si impegnano infatti a collaborare tra loro o fra i propri associati per incrementare la produzione di mais italiano, soddisfare le richieste della domanda interna riducendone la dipendenza dalle importazioni. L'attività e le relazioni commerciali fra tutti i componenti della filiera potranno essere inoltre favorite dall'adozione di strumenti contrattuali.

    La qualità e la sicurezza del cereale prodotto in Italia sono altri due aspetti richiamati nell'intesa e che dovranno essere migliorati nei prossimi anni. A questo scopo saranno utili anche gli investimenti nella ricerca, la promozione di studi, attività di formazione e informazione per favorire la conoscenza e lo sviluppo di ogni tecnologia, tecnica e pratica agronomica. La produzione del mais, infine, dovrà essere sostenuta in modo sostenibile, con una gestione oculata delle risorse, nel rispetto dell'ambiente, a beneficio dell'intero Sistema Paese.

    Foto: © smereka - Fotolia

    Vito Miraglia 10-10-2018 Tag: maisassalzooagricolturamade in Italycereali
Articoli correlati
  • Usa, produzione di mais e soia in calo

    La produzione di mais e soia negli Stati Uniti dovrebbe essere inferiore alle aspettative. Lo evidenzia il rapporto “Crop production” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui nella stagione 2018 la produzione...

    21-11-2018
  • Qualità agroalimentare certificata, a dicembre presentazione “Rapporto Ismea Qualivita 2018”

    Focus sulla qualità agroalimentare certificata durante la presentazione del “XVI Rapporto Ismea - Qualivita sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP IGP STG”, prevista per il prossimo 13 dicembre a Roma. L’indagine...

    14-11-2018
  • Mais, un settore fra criticità e opportunità

    Il mais è una materia prima strategica per l'intera filiera agroalimentare ed essenziale per l’alimentazione zootecnica. In Italia, nell'arco di un decennio, il settore ha conosciuto un'evoluzione preoccupante: si è passati...

    11-11-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi in calo a ottobre

    A ottobre i prezzi internazionali delle materie prime alimentari hanno registrato una flessione. Il calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, delle carni e degli oli vegetali ha, infatti, più che compensato l'incremento delle quotazioni dello...

    11-11-2018
  • Agricoltura, individuato gene che rende piante resistenti alle malattie

    Identificato un gene che rende le piante resistenti alle malattie. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications dai ricercatori dell’Università di Edimburgo (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe...

    07-11-2018