Victam
  • Mais, nuova varietà ottiene azoto da batteri “buoni”

    Print

    Non necessita di fertilizzanti

    Mais bennet

    Una nuova varietà di mais sarebbe in grado di ricevere i nutrienti di cui ha bisogno dai batteri “buoni”, per cui non avrebbe la necessità di fertilizzanti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Biology dai ricercatori statunitensi dell’Università della California di Davis e dell’Università del Wisconsin di Madison, secondo cui questa cultivar di granoturco otterrebbe l’azoto - un nutriente essenziale per le colture - nutrendo con i suoi zuccheri alcuni microrganismi benefici, che a loro volta assorbirebbero l’azoto dall'aria e lo restituirebbero alla pianta in una forma utilizzabile.

    “L'idea che varietà locali isolate di mais possano associarsi ai batteri che fissano l'azoto non è nuova, ma è stato difficile identificare questa varietà e dimostrare che quest’unione contribuisca effettivamente a soddisfare il fabbisogno di azoto della pianta - afferma Alan B. Bennett, che ha coordinato l’indagine -. Il nostro gruppo di ricerca interdisciplinare ha lavorato su questo per quasi un decennio”.

    Gli autori spiegano che questa varietà di mais è stata osservata inizialmente negli anni '80 in Messico, ma solo l’avvento della metagenomica a metà degli anni 2000 ha permesso agli scienziati di collaborare con la comunità indigena locale per studiare la cultivar. L’analisi ha dimostrato che questo granoturco è in grado di ricavare dall'aria da un minimo del 29% a un massimo dell’82% del suo azoto, senza bisogno di fertilizzanti. Ma come ci riesce? Gli esperti hanno osservato che la pianta produce una sostanza zuccherina che fuoriesce dalle radici che emergono dalla terra ed entrano in contatto con l’aria, che attrae i batteri che sono in grado di trasformare l'azoto presente nell'aria in una forma che il mais può utilizzare. Gli scienziati spiegano che riuscire a trasferire questa caratteristica nelle altre varietà di granoturco – ma anche di altri cereali come il sorgo - potrebbe consentire di coltivare piante che non necessitano di fertilizzanti e permettere di aumentare la produzione agricola nelle zone in cui i terreni contengono poche sostanze nutritive.

    Foto: © Alan B. Bennett

    n.c. 06-11-2018 Tag: maisazotofertilizzantibatterimetagenomica
Articoli correlati
  • Marcello Veronesi: “Il 60% delle materie prime per mangimi arriva dall’estero”

    La dipendenza da materie prime alimentari importate dall’estero ha raggiunto una soglia di allarme. Le risorse interne sono infatti insufficienti per rispondere alla domanda delle aziende zootecniche: quasi il 60% dei cereali e delle farine proteiche...

    24-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Cereali, aumenta produzione in Europa

    Nel 2019 la produzione europea di cereali dovrebbe aumentare, fino a raggiungere 301 milioni di tonnellate. Lo comunica Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), secondo cui il raccolto dovrebbe essere...

    29-05-2019
  • Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of...

    28-05-2019