Victam
  • Usda: migliora qualità della soia, resta stabile quella del mais

    Print

    Maturazione più rapida della media per entrambe le colture

    Mais russia

    La qualità della soia prodotta quest’anno negli Stati Uniti è migliore delle aspettative: il 70% del raccolto rientra nella categoria “da buono a eccellente”. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui la qualità del mais resta invece costante -in questo caso, il 72% del raccolto del cereale viene valutato come “da buono a eccellente”.

    Secondo il sito Farm Future, gli analisti si aspettavano un peggioramento della valutazione del mais effettuata dall'Usda: in base alle loro stime, la percentuale giudicata come “da buona a eccellente” sarebbe dovuta scendere al 71%. In effetti, in alcuni stati - in particolare Michigan e Ohio - la qualità del cereale è diminuita. Tuttavia, gli aumenti registrati in altri stati hanno permesso al punteggio complessivo di restare stabile al 72%, un valore significativamente più alto di quello registrato nello stesso periodo dello scorso anno, quando la qualità del raccolto solo nel 57% dei casi è stata considerata “da buona a eccellente”. Quest’anno il 19% del raccolto di mais è stato valutato come “sufficiente”, mentre il restante 9% rientra nella categoria “da scarso a molto scarso”. L’Usda precisa che quest'anno il mais continua a maturare più rapidamente della media. L'81% delle colture ha già raggiunto la fase di produzione della seta, mentre nel 2017 la percentuale si fermava al 63% e nell’ultimo quinquennio in media al 62%. Inoltre, il 18% delle piante ha raggiunto la fase in cui i chicchi sono formati, anche se non sono già maturi, rispetto all'8% dell’anno scorso e della media quinquennale.

    Gli analisti si attendevano anche un peggioramento della valutazione dell'Usda sulla soia: secondo i loro calcoli la percentuale di raccolto ritenuto “da buono a eccellente” sarebbe dovuta scendere al 69%, mentre è salita al 71%. Il 22% del raccolto è considerato “sufficiente”, mentre l’8% “da scarso a molto scarso”. Anche la maturazione della soia è superiore alla media: più di tre quarti (78%) delle colture sono fiorite, mentre l’anno scorso lo erano solo il 67% e negli ultimi cinque anni, in media, solo il 63%. Inoltre, il 44% delle piante ha prodotto i baccelli, rispetto al 27% dello stesso periodo del 2017 e alla media quinquennale del 23%.

    redazione 25-07-2018 Tag: USDAmaissoiaUsaagricolturaCOLTURE
Articoli correlati
  • Marcello Veronesi: “Il 60% delle materie prime per mangimi arriva dall’estero”

    La dipendenza da materie prime alimentari importate dall’estero ha raggiunto una soglia di allarme. Le risorse interne sono infatti insufficienti per rispondere alla domanda delle aziende zootecniche: quasi il 60% dei cereali e delle farine proteiche...

    24-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Il ruolo della genomica nella zootecnia del futuro

    La genomica potrebbe svolgere un ruolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia in futuro, aiutando a soddisfare il fabbisogno alimentare di una popolazione globale in continua crescita e, nel contempo, a migliorare il benessere del bestiame. Lo affermano...

    11-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Cereali, aumenta produzione in Europa

    Nel 2019 la produzione europea di cereali dovrebbe aumentare, fino a raggiungere 301 milioni di tonnellate. Lo comunica Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), secondo cui il raccolto dovrebbe essere...

    29-05-2019